Francesca Sfragara insegnante della primaria a Biancavilla risponde

L'insegnante  Francesca  Sfragara che insegna alla scuola primaria, all'I.C.S. “A. Bruno”, Comune di  Biancavilla (CT)  risponde ad alcune domande sulla gentilezza e la buona eduzione a scuola. 

Secondo lei a cosa serve la buona educazione a scuola?

La buona educazione serve a migliorare i rapporti sociali e ad avere un maggior rispetto per il prossimo. Un gioco per allenare la buona educazione Quest'anno abbiamo letto un libro sulle parole gentili: grazie, per piacere... e dopo aver letto il brano i bambini dovevano utilizzare queste parole. In classe a volte giochiamo con il gioco “Gentilpolis”.

Esiste secondo lei una differenza tra gentilezza e buona educazione?

Secondo me una persona gentile non sempre è educata. Penso che una persona gentile è più predisposta ad imparare le regole per essere più educata.

Perché,secondo lei, la buona educazione consente ai bambini di essere felici?

La buona educazione consente ai bambini di essere più felice perché chi è educato ha rispetto degli altri, non offende e rispetta i propri spazi.

Perché ha scelto di partecipare alla 4° GiornataNazionale dei Giochi della Gentilezza con la sua classe?

Ritengo che partecipare alla Giornata Nazionale dei Giochi della Gentilezza abbia un'influenza positiva sul comportamento dei bambini. Potranno capire che solo comportandosi bene ed essere gentili potranno essere veramente felici.