La buona educazione promuove senz'altro le buone relazioni, in tutti gli ambiti.

Il Comune di Pero oltre ad avere patrocinato la Giornata Nazionale dei Giochi della Gentilezza ha scelto di tematizzare Pero in Festa, che si svolgerà negli stessi giorni coi Giochi della Gentilezza. Maria Rosa Belottila 

Sindaca di Pero risponde ad alcune domande sulla gentilezza e la sua Comunità locale.

 

Perché secondo lei è importante la buona educazione tra i cittadini?

La buona educazione promuove senz'altro le buone relazioni, in tutti gli ambiti. La maleducazione, invece, anche verbale, costruisce muri che possono diventare insormontabili.

Ha un buon esempio di buona eduzione, riguardante il suo Comune, da condividere coi bambini ed i ragazzi che leggeranno la sua risposta?

Io sono convinta che si potrebbe essere d'esempio con piccoli gesti di cura del nostro territorio, non solo non lasciando sporco in giro, ma magari sostituendo la bottiglietta in plastica dell'acqua con una borraccetta biodegradabile per preservare l'ambiente in cui viviamo.

Secondo lei in quale modo una Comunità Locale potrebbe sostenere le famiglie nella buona educazione di bambini e ragazzi?

Senz'altro la Comunità Locale può sostenere le famiglie nel difficile compito educativo offrendo percorsi di formazione genitoriale, ma anche implementando nel Piano del diritto allo Studio le attività legate all'educazione civica.

Ci sono associazioni, enti, o privati cittadini, residenti nel suo Comune, meritevoli di un complimento, per avere compiuto qualcosa di particolarmente gentile a beneficio di bambini e ragazzi?

Nella nostra realtà esistono cittadini che in modo spontaneo o organizzato si prendono cura del verde e delle aiuole, da anni è attiva l’attività del piedibus organizzate realizzata da cittadini, genitori, nonni e volontari che dedicano parte del loro tempo ad accompagnare i nostri ragazzi a scuola

Cosa ne pensa della possibilità di riconoscere la delega alla gentilezza ad un suo assessore, o consigliere, per contribuire ad accrescere il benessere della Comunità Locale?

Penso che sia molto positivo coinvolgere tutta la maggioranza consiliare nella promozione di valori importanti quali la gentilezza, l’educazione e l’attenzione verso le fragilità e le persone più deboli

Qual è la qualità più gentile che può essere riconosciuta al Suo Comune?

L'attenzione ai più deboli in diverse fasi della vita e in diverse situazioni, per esempio il trasporto per le persone disabili, gli anziani o altra buona pratica è il pranzo di ferragosto rivolto a tutti coloro che durante l’estate restano in città e si potrebbero sentire soli.

Un'azione gentile che secondo lei si potrebbe proporre per sensibilizzare piccoli e grandi alla buona educazione?

Semplicemente sorridere e salutare chiunque si incontri per strada, anche se non lo si conosce. Anzi prendendo l'occasione per stringere nuove conoscenze e amicizie.

In che modo abitualmente il suo Comune promuove la Buona Educazione verso il bene pubblico?

Incentivando sempre più i cittadini ad avere cura degli arredi urbani, delle attrezzature sportive e anche nella capacità di tessere relazioni costruttive e formative con una particolare attenzione verso le persone più fragili.

Chi é stato per lei un buon esempio di gentilezza e buona educazione nella sua crescita?

Sicuramente la mia famiglia, i miei insegnanti, gli educatori e la realtà parrocchiale nella quale sono cresciuta.

Una regola di educazione, non scritta, che secondo lei é importante conoscere e rispettare?

Ascoltare e rispettare le opinioni di tutti. Posso non condividere un punto di vista diverso dal mio ma certo evito lo scontro verbale.

Secondo lei perché sarà importante per associazioni, scuole, enti partecipare alla Giornata Nazionale dei Giochi della Gentilezza e organizzare tra il 20 ed il 23 Settembre momenti di Gioco per fare conoscere ed allenare i bambini alla pratica della Gentilezza e della Buona Educazione?

Penso sia importante da parte di tutti organizzare una semplice attività proprio per far passare il messaggio che la rete educativa composta da tutta la comunità (famiglia, scuola, associazioni, parrocchia, Comune) che deve essere coesa sulle regole fondamentali di buona educazione e buon senso.